QUARTIERE LONDINESE DI BRIXTON SI FA LA SUA MONETA PER BATTERE CRISI

Quando si dice: ma che sono ‘ste zuzzuche, i soldi del Monopoli?

Se il denaro manca dalle tasche dei consumatori forse la cosa migliore da fare e’ inventarsi una nuova valuta e battere moneta. Sembra una follia ma succede davvero. Nel quartiere londinese di Brixton, infatti, da oggi e’ possibile usare i Brixton Pounds per fare le compere nei negozi convenzionati della zona. La trovata, stando agli organizzatori, dovrebbe favorire l’economia locale e prevenire l’impoverimento del quartiere.

”Immaginate un secchio bucato”, spiega Ben Brangwyn, uno degli inventori del Totnes Pound, la valuta lanciata nel Devon nel 2007. ”La ricchezza di una comunita’ se ne va nelle catene commerciali e quel che resta e’ una societa’ impoverita. La moneta locale, invece, resta nel secchio e porta prosperita’ al quartiere”. Nonostante un certo scetticismo – ”a che serve questo sforzo?” si domandava un negoziante – sono circa 70 le attivita’ commerciali che a Brixton hanno aderito all’iniziativa.

Per iniziare a spendere in moneta locale basta dunque convertire il denaro in uno dei centri convenzionati: si riceveranno in cambio banconote da 1, 5, 10 e 20 unita’ recanti il volto di personalita’ note nel quartiere. Oppure si puo’ scegliere di accettare il resto in Brixton Pounds e spenderli alla prima occasione. In altri negozi convenzionati si puo’ poi fare la conversione in sterline ‘nazionali’ – che hanno valore legale. L’esperimento, pero’, ha anche i suoi critici. ”Fara’ anche sentir meglio le persone ma non raggiunge nessun risultato concreto”, dice Tim Leunig della London School of Economics.

”La moneta locale – prosegue – non ti permette di comprare beni che provengono da altre parti anche se sono piu’ economici. In pratica da’ potere di monopolio ai negozi di Brixton e nel lungo periodo distrugge gli incentivi” – ANSA.

Io, personalmente, sono d’accordo con l’economista. E’ divertente da scrivere ma non credo serva davvero a rimettere in moto l’economia. Comunque mi riprometto di farci presto un salto e investigare sul campo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...