PREMIO SCERBANENCO, BOLOGNA PERMETTENDO C’E’

Ebbene si’, il mo libro ce l’ha fatta e ha passato la selezione dei giurati. Ergo: bologna permettendo e’ in concorso alla XIX edizione del Premio Letterario Giorgio Scerbanenco – Courmayeur Noir in Festival – La Stampa (questa la dicitura completa). Ora, per me e’ un’esperienza nuova. E come se non bastasse devo passare attraverso lo stress dei voti del pubblico. Gia’ perche’ per arrivare in finale, la celebre cinquina, il mio libro deve beccare un certo numero di preferenze – e io ignoro quante. Bene. Oggi faccio un salto sul sito del festival e vedo che bologna permettendo s’e’ preso 22 voti. Tutti amici e parenti ovviamente. Il problema e’ che Maurizio DE GIOVANNI, con Il posto di ognuno, Fandango, e’ gia’ a quota 277. Rivolgo i miei piu’ sentiti complimenti a Maurizio ma tutto questo suscita in me un dilemma inquietante: o lui ci sa davvero fare, o i miei amici e parenti confronto ai suoi fanno davvero schifo. Capirete che in entrambi i casi c’e’ poco da essere allegri…

Se poi qualcuno si sentisse in vena di votare puo’ farlo qui. Se poi quel qualcuno volesse davvero farmi impazzire potrebbe ovviamente votare Maurizio De Giovanni. Il suo sembra essere un ottimo libro ma confesso di non averlo letto. In questi casi si dice che vinca il migliore ma a me basterebbe andare in cinquina: capirai, altri cinque giorni di vacanza giustificata…

2 pensieri su “PREMIO SCERBANENCO, BOLOGNA PERMETTENDO C’E’

  1. Buongiorno,
    sto leggendo “Bologna permettendo” e da bolognese trapiantata altrove mi sto divertendo assai anche perché mio marito è napoletano e quindi ci respiro aria di casa, per così dire.
    Sono andata via presto da Bologna e quindi non la conosco molto bene però ho creduto di capire che non sempre è stata rispettata la giusta collocazione delle strade e delle piazze.
    Se questo è vero mi ha leggermente, impercettibilmente, delusa, devo ammetterlo.Il che non cambia ovviamente la qualità del libro e posso anche capirne le ragioni.
    Conto che non mi deluderà il finale
    Cordiali saluti
    Catia

    1. Cara Catia,
      da quanto mi dici il mio libro sembra fatto apposta per te! Detto questo, devo dire che non mi trovi d’accordo sulla critica alla toponomastica della citta’. Strade e piazze sono quelle, nomi e monumenti pure. Anzi, per certi versi il mio libro rischia di essere fin troppo “pedante”, soprattutto per chi di Bologna non e’. Poi, certo, qualche licenza forse l’avro’ anche presa. Ma in generale il ‘setting’ di bologna permettendo e’ davvero fedele! Grazie per averlo letto comunque e spero di piaccia la fine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...